Di Massimiliano Magli

Palcoscenico
speciale con la Pfm
di Chiari: musica per Bresciaoggi

27 nov 2020
Marco Perini con le nuove creazioni, tra cui una per Bresciaoggi Marco Perini con le nuove creazioni, tra cui una per Bresciaoggi

La sveglia alle 5, il lavoro fino al pomeriggio inoltrato tra negozio e il laboratorio retrostante. Marco Perini è un «commesso» sui generis a Chiari, perché sui generis è la Premiata Forneria Marconi in cui lavora. Già... quella che il musicista clarense Mauro Pagani ha reso immortale con la sua Pfm, e dove adesso sbarca anche il contest di Bresciaoggi, un palcoscenico davvero speciale per un locale che non ha bisogno di presentazioni.

MARCO È IL TUTTOFARE degli zii Stefano, Lorenzo e Laura Marconi, che hanno raccolto una eredità importante vecchia di almeno 80 anni. Va e viene dalla pasticceria e dal laboratorio dove, in realtà, vuole restare a lungo: «Le mie presenze come commesso in pasticceria non sono frequentissime ma sono sempre a disposizione – spiega Marco – trattandosi di un'azienda di famiglia. L'attività è impegnativa ma questo è un lavoro che mi dà grande soddisfazione e che riesce a farmi divertire perché ho studiato per questo settore». Marco ha 23 anni e arriva dalla formazione dell'Istituto Alberghiero Mantegna di Brescia: «Lì ho imparato a fare un po' di tutto e quella scuola calza benissimo alla tradizione della mia famiglia. Non ci ho pensato due volte a salire dietro al bancone della pasticceria come pure a scrivere la ricette di ogni giorno dal laboratorio. Per fare questo lavoro serve prima di tutto la passione: quella ti fa superare ogni ostacolo. Se invece ne hai poca devi avere un sacco di pazienza. A me di pazienza ne basta poca, vince la voglia di fare ogni giorno sempre qualcosa di più buono e di più bello e di servirlo al banco della nostra clientela».

IL NATALE adesso è vicino e Marco si sbilancia anche in qualche suggerimento: «Oltre ai dolci tipici abbiamo studiato una linea tutta dedicata ai panettoni che decliniamo in quattro proposte. Si parte dai classici, poi quelli con gocce di cioccolato, quelli con sola uvetta senza canditi e quelli con frutti di bosco e fragoline. Così è possibile accontentare un’ampia platea di clienti». Ma c'è un altro segreto nel carniere di Marco e si chiama tempo: «Non devi contarlo o ti disinnamori di questo lavoro. Il tempo non si conta finché c'è bisogno di te. Una volta finiti il lavoro ordinario o gli imprevisti, si può andare finalmente a casa». La Premiata Forneria Marconi di Chiari, che ha avuto recentemente un suggestivo servizio anche da Sky, venne fondata dal capostipite Mario, fu lanciata dalla seconda generazione con i fratelli Giancarlo, Mauro e Lino, è custodita dalla terza generazione con i nipoti Stefano, Lorenzo e Laura e ora sogna in grande con un pasticcere-commesso pronto a farsi in quattro pur di proseguire il sogno. • © RIPRODUZIONE RISERVATA